Cosa manca da queste parti

 

Christchurch (presa da Google, ovviamente)

Esattamente un mese fa atterravo a Christchurch. Una settimana per adattarmi all’orario  un’altra per adattarmi ai ritmi di lavoro, le altre due per ingranare con lo stile di vita.

Giusto a livello di cronaca, e perché qualcosa devo pur scrivere su questo blog, elenco alcune cose che sono (siamo) abituato a vedere a casa e che invece qui mancano (o scarseggiano..o quello che volete)

Gas metano: non intendo quello per far andare avanti le macchine economiche, intendo proprio quello per cucinare e scaldarsi. Per cucinare si usa principalmente l’elettricità: piastre elettriche o in vetroceramica per lo più, forni elettrici, tostapane, bollitori, grigliette, tutto a elettricità.

Termosifoni :vedi sopra. Il riscaldamento funziona a biomasse (legna, pellet, oli vari meno diffusi) e l’aria calda viene “portata” dalla stanza principale ad altre stanza con “pompe di calore” (ventilatori fondamentalmente). Molto diffuse stufette elettriche per le camere da letto più periferiche, rigorosamente dotate di timer.

Temperature estreme: difficilmente in inverno si raggiungono i -3/-4°C, così come difficilmente in estate si arriva a 30°. Ecco perché i sistemi di riscaldamento sono un po’ rozzi. Occhio però che c’è la fregatura. I venti del pacifico rendono l’atmosfera molto tersa. Il sole, quando esce, picchia duro (abbiamo in “dotazione” la crema solare per lavorare all’aperto).

Polpa di pomodoro: c’è, magari sotto forma di concentrato, non i classici “pezzettini” o i pelati (io, almeno, non li ho ancora trovati). Spopolano invece i miscugli più azzardati (in ingannevoli barattoli): pomodoro ed erbe varie, “smoked tomato” (Dio solo sa cosa sia), pomodoro e chili, pomodoro e saituchecosa ecc. Particolarmente infingarde le confezioni di “tomato pulp and juice”. Non fateci un sugo, è ketchup!

Calzature: non mi spiego altrimenti il motivo per cui si trovano ragazzi completamente scalzi in libreria o al supermercato.

Camion: ce ne sono, ma pochi. Anche muovendomi fuori dalla città non se ne vedono più di un paio alla volta, sicuramente non ne ho mai visti in territorio urbano. Fa strano.

Negozi chiusi la domenica: con l’eccezione di alcuni negozi al dettaglio (ma non molti) la domenica è tutto aperto. I supermercati sono aperti 365 giorni al’anno. Quando ne ho chiesto il motivo mi hanno risposto che sarebbe stupido restare chiusi quando la gente non lavora e può fare compere.

Proprio come a casa!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...