Scriver di Scienza

Visto che in questi giorni mi ci trovo pienamente coinvolto, spiego brevemente a tutti quelli che non stanno affrontando una carriera (per quanto breve e con pochissime vie d’uscita) scientifica qual’è il senso di tutto ciò.

Lo scopo dello scienziato, o del ricercatore, o del dottorando è quello di produrre conoscenza scientifica. Nel caso del dottorando ci sono una serie di sotto-mansioni molto poco scientifiche, ma facciamo finta di niente…

Come si produce conoscenza scientifica? Ottima domanda, perfettamente riassunta nell’immagine sottostante (che spiega il cosiddetto processo di dimostrazione empirica).

scientific method

Basta tutto ciò? No! Ovviamente quello che ho trovato non posso tenerlo per me e per me solo, devo comunicarlo alla cosiddetta “comunità scientifica” e renderlo pubblico, sotto forma normalmente di articolo scientifico, a chiunque ne voglia approfondire i dettagli, tramite una rivista scientifica.

(Tanto per chiarire, Focus e Airone non sono riviste scientifiche. Sono riviste divulgative)

L’articolo scientifico si suddivide sempre in 5 parti principali:

Introduzione: serve ad inquadrare il problema studiato, i risultati ottenuti da chi ci ha lavorato prima, i motivi per cui il mio lavoro è utile ecc..

Materiali e metodi: si spiega il “disegno sperimentale” (Experimental design, meglio). In pratica bisogna indicare tutte le procedure utilizzate per compier il proprio esperimento, per raccogliere i dati e per analizzarli.

Risulatati: Non penso serva spiegare, ma facciamolo comunque. In questa sezione si riportano i risultati come sono usciti dall’esperimento, senza troppi commenti – che verranno lasciati alla parte successiva.

Discussione (e conclusioni): si prendono i risultati e si discutono alla luce delle teorie espresse nell’introduzione e si commentano eventuali risultati inaspettati (cercando di darne una spiegazione plausibile).

Abstract: qui l’ho lasciato alla fine, ma nell’articolo scientifico è la prima cosa che si trova dopo il titolo (che non ho elencato nelle parti fondamentali ma l’ho dato per scontato). È il riassunto di tutti i punti sopra elencati in poche righe. Normalmente è l’unica parte pubblica e gratuita anche per chi non è abbonato alla rivista in questione.

Fatto questo (e trovata una versione che metta d’accordo tutti gli autori coinvolti – spesso la parte più difficile), l’articolo viene sottoposto a una rivista scientifica.

Ce ne sono molte, alcune molto generiche e famose (Science, Nature), altre comunque generali ma concentrate in un unico settore (Forest Ecology and Management, Journal of Chemical Ecology), Altre molto specifiche (New Zealand Journal of Crop and Horticultural Science). Le riviste scientifiche riconosciute a livello internazionale hanno un indice di “importanza” chiamato Impact Factor (IF per gli amici), che indica in soldoni il rapporto tra gli articoli pubblicati e citati in altri lavori scientifici e gli articoli pubblicati in totale. In sostanza, un IF molto alto (3-4 o anche di più) indica che un giornale pubblica lavori molto interessanti, studiati da altri ricercatori e, di conseguenza, citati in altri articoli scientifici.

Ora, supponiamo che l’articolo inviato sia interessante per la rivista (in sostanza, l’argomento e i risultati sono potenzialmente pubblicabili). A questo punto gli editori inviano il manoscritto a dei reviewers, cioè degli altri scienziati o ricercatori che lavorano più o meno nello stesso ambito di ricerca. Questi fanno puntualmente le pulci all’articolo, cercano eventuali imprecisioni e punti deboli e ne richiedono la correzione all’autore. Una volta che il lavoro è accettato da tutti i reviewers, allora la rivista può decidere di approvarlo definitivamente e pubblicarlo.

Se avete avuto la pazienza di leggere fino a questo punto potete capire perché, quando avrò finalmente i miei lavori pubblicati, scorreranno fiumi di birra!

Annunci

2 pensieri su “Scriver di Scienza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...